Diplomati

I nostri studenti che, dopo aver frequentato con successo i primi due anni di Comedy Studio, hanno passato brillantemente la prova d’esame, facendo ridere il pubblico con un monologo e uno sketch in coppia.

Domenico Grilletta

Domenico (BastaeAvanza) Grilletta Domenico Grilletta, in arte Domenico Bastaeavanza, nasce nel 1976 nel pinerolese. Cresce figlio unico insieme ai due fratelli solo grazie alla sua capacità di isolarsi dalla realtà. Riceve un educazione calabro-cristiana, credendo nel Dio denaro, aspettando babbo Natale e sperando nella lottomatica. Infanzia passata nei corridoi delle scuole a rovistare nelle tasche dei giubbotti per cercare merendine, adolescenza passata alla continua ricerca di un passaggio in città, maturità non pervenuta. Considerato idoneo solo per il servizio militare, affronta il suo destino senza voltarsi indietro, perdendo il portafoglio alla stazione, trovando la droga in caserma e nessun soldo per comprarla . Tornato arricchito dalle continue punizioni e umiliazioni capisce cosa vuole: la patente . Passano gli anni ed è tutto in salita . A 40 anni neopatentato costretto a lavorare per pagare tutti i suoi vizi, alchool, sigarette e figli, si ferma di colpo. Tamponato dalla vita è costretto a voltarsi, raccoglie il portafoglio che aveva perso e non smette più di parlare .Cinico, cafone, maleducato, aggressivo, ama definirsi l’ignorante del futuro. A lui dedicate targhe come, “vietato sporgersi dal finestrino”, “io qui non posso entrare”, “per colpa di qualcuno non si fa più credito a nessuno”. Gli amici dicono che non si capisce mai quando è serio e quando scherza ,la madre consiglia di non invitarlo ne ai matrimoni ne ai funerali . Alla continua ricerca della persona da deridere la ritrova in se stesso e la racconta . Di lui si dice che non capisca l’inglese , che non sappia usare il computer, ma che nel congiuntivo abbia trovato le pause per rivalutare il presente. 1. Di cosa non puoi più fare a...

Alessandro Fazzalari

Alessandro Fazzalari Nasce durante i primi anni ’80 nella Bassa Cucundria. Dopo aver terminato le scuole prima elementari, poi medie di primo grado e infine medie superiori, si accorge di aver fatto semplicemente il percorso che fanno tutti, ed è all’esame di stato che, (spinto dai suoi insegnanti perennemente imitati, dai suoi compagni di classe incessantemente divertiti, e dalla cittadinanza del paesino della Terronia), apprende che il suo destino sarebbe stato nel mondo del Teatro, Cinema, Televisione, Radio, Musica, Baciare, Lettera, Testamento. Si iscrive al DAMS di Torino, in cui supera, per implorazione e simpatia sette esami in sette anni prima di incontrare uno dei mondi sopra citati: la “Televisione”. Con Extracampus Tv di Unito, inizia a prendere confidenza con ciò che gli riserverà il futuro, ovvero “Boohhh”. E’ per pigrizia e rottura di palle nello scrivere questo articolo che va avanti con la sua descrizione molto velocemente tralasciando tutto quello che accade (Musica e Teatro) in mezzo, prima di iscriversi a Comedy Studio grazie al quale calca numerosi palchi portando in scena pezzi in coppia, con Marco Guernieri col quale ha fondato un duo, e da singolo. Lasciamo ai lettori l’immaginazione di un lieto divenire… 1.Di cosa non puoi più fare a meno da quando frequenti Comedy Studio? Non posso fare a meno della lezione del mercoledì. 2.Qual è la cosa che fai appena torni a casa dopo la lezione? Lego la bici in cortile. 3.Come è cambiato il tuo punto di vista sulla comicità da quando frequenti la nostra scuola? Mi fa ridere di meno 4.Qual è il comico che hai scoperto grazie a Comedy Studio? (…e...

Marco Guernieri

Marco Guernieri Marco Guernieri nasce in una regione del Nord italia nel 20esimo secolo circa. Forte del suo amore per i dettagli, decide quindi di darsi all’arte. Dal Teatro di scena all’improvvisazione, dal drammatico all’arte figurativa, dalla sceneggiatura al mimo, passando anche da teatro di strada e arti sceniche, non c’è davvero nulla che sappia fare, così si dà al cabaret. Dopo aver calcato i primi palchi é una frase che gli è sempre piaciuta nelle biografie degli artisti, così decide di inserirla nella propria. Inizia così ad esibirsi in alcuni locali del palcoscenico Torinese riscuotendo un discreto successo tra il piccolo e il grande pubblico: bambini e anziani. La sua carriera avanza e i riconoscimenti non tardano ad arrivare, sia dai vicini di casa che dal cugino. Ormai celebre la dichiarazione lasciata al termine di una sua esibizione dalla nonna: “bravo”. È in questo periodo che arriva la chiamata dalla redazione Rai, che però cercava un certo Giorgio e attacca. Forte di questa esperienza con la Rai, tutt’ora presente sul suo curriculum, continua a calcare i palchi come autore e interprete dei suoi pezzi da singolo e nel duo fondato con Alessandro Fazzalari. Dicono di lui: “davvero, non so chi sia” (passante in corso regina). 1. Di cosa non puoi più fare a meno da quando frequenti Comedy Studio? Di pagare la rata del corso. No davvero, non ne posso fare a meno. Una volta ad esempio ho provato a smettere e mi hanno cacciato dal corso. E’ stato bruttissimo. Ora la pago sempre. 2. Qual è la cosa che fai appena torni a casa dopo la lezione?...